Blog: http://laBANDAdelTORCHIO.ilcannocchiale.it

Antifascismo, ancora ne abbiamo bisogno..

 ROMA CITTA' APERTA RIFIUTA I FASCISTI

Giovedì 28 giugno, un gruppo di fascisti, armati di bastoni,
bottiglie, coltelli e bombe carta, ha assaltato la manifestazione
dell'estate romana "Roma incontra il mondo", alla fine del concerto
della Banda Bassotti. Un raid durato 25 minuti che ha lasciato per
terra decine di contusi e feriti da arma da taglio; uno di questi ha
ricevuto 9 coltellate, di cui alcune sulla schiena profonde sette
centimetri. Solo la prontezza degli organizzatori ha evitato una
mattanza più grande.

E' chiaro, volevano il morto.

http://www.infoaut.org/news.php?id=488

http://www.repubblica.it/2007/06/sezioni/cronaca/aggressione-villa-ada/aggressione-villa-ada/aggressione-villa-ada.html



A distanza di una settimana, nessuno degli aggressori è stato
riconosciuto, denunciato o fermato; i carabinieri hanno invece fermato
a rinviato a giudizio per lesioni, resistenza e danneggiamento,
quattro spettatori aggrediti dalla squadraccia fascista.

Venerdì 6, alle 9, è prevista l'udienza del processo: saremo a
piazzaleClodio per contrastare e denunciare questa ennesima vergogna e
ricordare alla città chi sono questi fascisti. Sono gli stessi
fascisti che da diversi anni hanno costruito una campagna d'odio e di
terrore fatta di intimidazioni, aggressioni, coltellate e uccisioni,
come quella di Renato Biagetti, ammazzato all'uscita di una discoteca
a Focene. Sono gli stessi fascisti che prima speculano sulle questioni
sociali, provando a inventarsi finte occupazioni abitative o
miserabili copie dei centri sociali, e poi si candidano con la destra
liberista, bigotta e poliziesca di Berlusconi, Fini e Casini.

E' lunga la lista dei centri sociali, dei centri di aggregazione,
degli spazi democratici di Roma che hanno già vissuto la stessa
terribile esperienza che è toccata nei giorni scorsi a Villa Ada. Non
è possibile che la lista si allunghi oltre. Le istituzioni romane, il
Sindaco Veltroni, tutte le forze politiche e sociali democratiche
devono intervenire: basta con lo sdoganamento e la legittimazione
dello squadrismo neo-fascista, basta con la concessione di spazi a chi
fa apologia di fascismo, basta con la politica di equidistanza che
pone la radicalità politica e sociale sullo stesso piano della
intolleranza e della violenza razzista contro la sinistra, i migranti,
i gay, le lesbiche, i transessuali.

Non bastano generiche condanne alla violenza: la organizzazione di
forze dichiaratamente neofasciste e gli atti squadristici sono un
fenomeno grave da condannare apertamente e contrastare senza
tolleranza alcuna.

Roma rifiuta i fascisti. E lo dimostrerà sabato 7 luglio, con una
grande manifestazione pacifica e di massa, plurale, radicalmente
antifascista, autotutelata, sonora e comunicativa, per dire a tutta la
città che non esistono zone franche, per affermare la libertà di
movimento e il diritto di resistenza a difesa della libertà di
espressione e aggregazione davanti al terrore di poche decine di
vigliacchi, da sempre al servizio dei poteri forti.

Invitiamo quindi le associazioni, i comitati, i centri sociali, le
forze politiche, i sindacati e tutta la Roma democratica e
antifascista a partecipare a questa grande giornata di libertà.

Partenza alle ore 16 da piazza S.Emerenziana e conclusione a piazza Vescovio.

Nessuno spazio ai fascisti
Nessuna equidistanza
Verità e giustizia per Carlo, Dax e Renato


Primi Promotori:

Ram (Rete Antifascista Metropolitana); ARCI; radio onda rossa; radio
città aperta; centri sociali ex snia viscosa, la torre, forte
prenestino, ex 51, acrobax, corto circuito, la strada, 32, spartaco,
factory, laurentino occupato, strike, astra19, horus occupato, esc, i
po', coordinamento degli studenti medi, coordinamento collettivi
universitari la sapienza, Associazione sinistra critica

per adesioni:
ufficiostampa@arci.it


ELENCO DELLE PROSSIME INIZIATIVE

GIOVEDI 5 LUGLIO

*La verità non si cancella *

*ore 11 conferenza stampa sotto al Ministero dell´Interno (P.zza
dell'Esquilino)*

*dalle 11.00 alle 15.00* Sit-in per chiedere verità e giustizia per i
casi di Carlo Giuliani, Dax, Federico Aldrovandi e Renato e per
continuare a dire che non ci sarà nessuna giustizia senza verità.


VENERDI 6 LUGLIO

*Presidio di solidarietà a P.zzale Clodio*

*ore 9:00* Presidio in solidarietà dei quattro ragazzi fermati ed
arrestati dopo l'aggressione fascista a Villa ADA che verranno
giudicati per direttissima solo perchè a fine concerto e dopo
l'aggressione si sono allontanati da soli passando in mezzo a gruppi
di poliziotti e carabinieri.

SABATO 14 LUGLIO

*CONCERTO* "AMA LA MUSICA, ODIA IL FASCISMO"

*INIZIATIVA NAZIONALE "UN MURALES PER DAX E RENATO" *

Pubblicato il 4/7/2007 alle 17.17 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web