Blog: http://laBANDAdelTORCHIO.ilcannocchiale.it

Lega Nord e Che Guevara...

IL CASO

Che Guevara per promuovere il tesseramento alla Lega Nord: e' un idea promossa dalla sezione di Arzignano (Vicenza) della Lega Nord: "La rivoluzione ha cambiato colore", hanno scritto i leghisti sotto un'immagine del Che, dipinta su una bandiera con sfondo verde padano e non piu' rosso

L'immagine del 'Che' si vede sempre nei cortei di sinistra, ma lui era un combattente per la liberta' e non era un comunista - ha spiegato il segretario del Carroccio arzignanese, Massimo Signorin, al 'Giornale di Vicenza' - e' un modo per attirare i giovani, senza i quali la politica e' fatta solo di idee vecchie, ma e' anche un mezzo per smascherare l'appropriazione del 'Che' da parte della sinistra". "Sono venuti in molti a chiedere spiegazioni - racconta Signorin - ai simpatizzanti di sinistra e' stato difficile spiegare che il 'Che' non era comunista, mentre le persone di destra avevano paura che volessimo passare dall'altra parte".

ORa, che il Che Guevara fosse o non fosse comunista ma marxista (???), questo potrebbe anche essere discutibile, ma francamente lo trovo anche poco importante..


ma è certo che l'imponente umanità del Che,
quella sua ammirazione per la giustizia sociale,
quella sua voglia di combattere per i diritti dei diseredati e degli oppressi..
la sua voglia di alfabetizzare i contadini e di offrirgli sanità gratuita

quel suo sacrificare se stesso per gli altri

quel suo soffrire per le sofferenze degli altri..

il suo girovagare tra l'Africa e la Bolivia tra foreste, senza lavarsi per mesi e rischiando la vita ogni minuto.. invece di poltrire su una comoda sedia governativa... e nonostante l'asma..

quel suo insegnare ai figli (anche se a distanza) ad essere Vedette della Giustizia Sociale 

il suo salire sul Granma per liberare Cuba dalla dittatura di Batista

il suo discutere con Castro animatamente..

il suo volontariato negli zuccherifici cubani.. negli unici giorni di riposo che aveva..

il suo rispetto per i nemici
 
la sua paura di fronte al primo assalto al nemico.. paura ben presto sostituita dalla voglia di essere sempre il primo a combattere..

quell'amore viscerale che i Cubani nutrano ancora in lui, molto piu amato di Castro e altri..

Tutto ciò è un esempio che vale per tutti..
ma che non tutti possono permettersi di richiamare..
tantomeno uno stuolo di Razzisti Xenofobi Ignoranti Omofobici ....

Francamente CARI LEGHISTI (DEL CAZZO) DI LUI NON AVETE NON SOLO NIENTE MA NON AVETE CAPITO UN CAZZO..

Come dottore era una mezza sega ,
come Ministro e come Oratore peggio ancora.. 
ma è certo che è stato un GRANDE UOMO
unico nel suo genere  per ideali e umanità
tenero quando doveva esserlo..
duro quando lo imponevano i fatti

questo era il Che..  e nient'altro..







Pubblicato il 22/3/2007 alle 12.47 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web